Il Leader supremo Kim Jong Un ha ispezionato per la seconda volta i cantieri della contea di Samjiyon.

Ha dichiarato che dopo soli 40 giorni l’intera area ha cambiato aspetto, così come tante altre parti del Paese, sebbene “persistenti sanzioni e mosse ostruzionistiche di forze esterne ostili causano una grave battuta d’arresto per il progresso del nostro Socialismo. Però lo zelo del popolo esultante che si è alzato come una montagna in risposta alla chiamata del Partito sta scrivendo una storia miracolosa e leggendaria. Nonostante le condizioni difficili, quello che abbiamo davanti agli occhi è una grande manifestazione dell’alto spirito del nostro esercito e della nostra gente e della capacità del Paese nel quale tutti si riuniscono attorno al Partito. Queste opere non devono essere considerate solo come delle costruzioni per sviluppare la contea che ospita la Casa natale della Rivoluzione, ma hanno l’obiettivo di mantenere alti la coscienza di classe e lo scontro con le forze ostili.”

Kim Jong Un ha aggiunto che “nel nostro Paese le contee si sono sviluppate con modalità molto differenti tra loro a causa delle diverse caratteristiche naturali, geografiche ed economiche. C’è quindi la necessità di definire modelli di contee standard per le aree pianeggianti, aree montuose e aree costiere”.

Il Maresciallo si è quindi raccomandato di realizzare opere idrauliche ed elettriche di qualità per prevenire guasti e di adottare accurate tecniche di rimboschimento per integrare perfettamente il complesso abitativo all’interno dell’habitat naturale circostante.